You are here
Home > Diete > Allergie: tutto quel che c’è da sapere

Le allergie sono una “brutta bestia”. Ce ne sono di diverso tipo, alcune più fastidiose di altre, provocate da cause disparate, con ambiente e cibo in cima alla lista delle motivazioni allergiche. Andiamo a vedere in questo post le principali cose da sapere sulle allergie: quali sono, da cosa sono scatenate e come fare per tenerle sotto controllo.

Iniziamo dalla rinite allergica, nota anche come raffreddore da fieno, è una patologia a carico della mucosa nasale. Circa il 20% della popolazione ne è affetta e può verificarsi a qualunque età, anche se nella maggior parte di coloro che ne soffrono i primi sintomi si iniziano a diffondere attorno ai 20 anni. La ciclicità è tipica della rinite allergica, con il periodo della primavera che solitamente è uno dei peggiori.

Molto fastidiosa è l’allergia al nichel, un metallo pesante diffuso nell’aria, nelle piante e nel suolo. Non entrare in contatto con questo metallo è impossibile in quanto si trova praticamente ovunque, anche negli abiti che indossiamo. Questa allergia si manifesta con un eczema da contatto che si scatena sulle mani, sui piedi, tra le pieghe delle dita. Non sono note le cause, ma per poterla tenere sotto controllo bisognerebbe evitare di mangiare determinati prodotti come i pomodori e le banane, lavarsi con prodotti nichel-free e usare pentole che non contengano questo metallo.

Altra forma allergica molto diffusa è quella legata agli alimenti. Bisogna tenere a mente che un’allergia alimentare è cosa ben diversa da un’intolleranza:  se quest’ultima provoca per lo più disagio a livello di stomaco, la prima potrebbe portare anche alla morte (come nel caso di una forte allergia alla arachidi o alle nocciole). Altri sintomi delle allergie alimentari sono prurito, gonfiore alle labbra, sensazione di avere una palla in gola, nausea, diarrea, gonfiore addominale (da non confondere con quello dell’intolleranza) e, nei casi più gravi, shock anafilattico.

Anche in questo caso non si sa bene quali siano le cause scatenanti, la cosa fondamentale è fare dei test allergici e stare il più lontano possibile dagli alimenti che fanno male.

E’ da tenere presente che non c’è un’età entro la quale si è al riparo dalle allergie alimentari, in quanto essere possono manifestarsi anche dopo i 40 o 50 anni.

Top